Informatica e rigore scientifico, un software aiuta a tradurre le pagine sacre del Talmud

di STEFANO LOLLI

NAVIGARE, grazie al web, nel «mare della conoscenza», come è definito il Talmud. Testo fondamentale per l’ebraismo, pietra miliare per la religione e la cultura, il libro-monumento (5722 pagine, venti volumi, trentasei trattati) è in corso di traduzione grazie a un software messo a punto da un pool di studiosi e ricercatori. Il ‘Progetto Talmud’ è stato illustrato ieri al Museo Nazionale dell’Ebraismo italiano e della Shoah da alcuni tra i protagonisti principali: rav Gianfranco Di Segni, coordinatore di tutta la traduzione (arrivata oggi al secondo volume), David Dattilo (responsabile del software e braccio destro dell’ideatrice Clelia Piperno) e Emiliano Giovannetti, del Cnr di Pisa che collabora con uno staff di ricercatori.

TUTTO ruota attorno a un software (‘Traduco’), concepito «per la traduzione di testi complessi – spiegano Giovannelli e Dattilo –: applicato sull’ebraico antico e l’aramaico, consente a una pluralità di studiosi e traduttori di addentrarsi nelle pieghe dello scritto, e di tradurlo grazie al supporto, al suggerimento fornito dallo strumento informatico». Non si tratta, ovviamente, di un ‘traduttore automatico’, neppure evoluto, simile a quelli installati su computer e smartphone: «Il Talmud, di per sè, è intraducibile senza il fondamentale apporto umano – sottolinea Giovannelli –, ma in questo caso la disciplina e lo studio vengono agevolati da uno strumento che consente anche di rendere omogenee le traduzioni, di organizzare le fonti, di tracciare ogni modifica». Al di là dello straordinario rilievo specifico del progetto (sottolineato, nell’introduzione, dal direttore del Meis Simonetta Della Seta), la novità di ‘Traduco’ risiede anche nella possibilità di essere applicato ad altre lingue, altrettanto complesse, e altri testi. «Alla Farnesina ci è stato chiesto se è possibile utilizzarlo
per tradurre il Corano – dice Dattilo –, e non sarebbe un problema». Così pure per altre lingue, in una società globalizzata in cui l’intreccio di idiomi e dialetti ripropone l’idea di una moderna Babele.

PER IL MOMENTO, che si prospetta lungo, il Progetto Talmud resta saldamente ancorato allo «Studio» (termine che traduce la parola originaria), alla sua vastità e complessità: «Siamo partiti nel 2012, grazie a un finanziamento di 5 milioni di euro del Miur, che collabora al progetto assieme alla Presidenza del Consiglio e all’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane – proseguono Giovannelli e Dattilo –, di recente abbiamo vinto un altro bando che ha assegnato un milione di euro l’anno per i prossimi cinque anni». Un centinaio complessivamente gli studiosi e i ricercatori coinvolti, con supervisori alla traduzione che si affiancano agli informatici: «L’eccezionalità di questo progetto nasce dal fatto che coniuga la parte digitale e quella umanistica», sottolineano i ricercatori. Fieri anche per l’esito, in parte imprevedibile, della pubblicazione: il primo libro tradotto del Talmud è già stato venduto in 10mila copie, per il secondo (presentato ieri, il Trattato di Barakhot) le aspettative sono ugualmente rilevanti. «Al momento è stata tradotta metà del Talmud – concludono Dattilo e Giovannetti –, ma arrivare dalla traduzione alla stampa del volume prende molto tempo». Perché nel «mare della conoscenza», navigare ora è più facile, ma senza l’apporto umano il naufragio è sempre possibile.

Altri contenuti

Viaggio alla scoperta del Piemonte ebraico

Viaggio alla scoperta del Piemonte ebraico

Il MEIS vi invita ad un viaggio esclusivo alla scoperta della cucina e dei luoghi ebraici. Un itinerario inedito per visitare le meraviglie d’Italia sotto una nuova prospettiva. Quest’anno il viaggio è attraverso il Piemonte ebraico: un percorso che toccherà Torino, Carmagnola, Saluzzo, Mondovì e Casale Monferrato. PROGRAMMA MARTEDI’ 21 MAGGIO 2024 11.00: Punto di […]
9 marzo, visita guidata “Le donne del MEIS”

9 marzo, visita guidata “Le donne del MEIS”

Sabato 9 marzo alle 11.30 in occasione della Giornata Internazionale della Donna vi aspettiamo al museo (via Piangipane, 81) per la visita guidata tematica “Le donne del MEIS”.  A partire dal Medioevo, vi racconteremo una selezione di storie al femminile che si celano negli ambienti del museo più inaspettati : dalla dottoressa siciliana del 1300 Virdimura alla partigiana Matilde Bassani (che venne incarcerata proprio nell’allora […]
6 marzo, tre storie di Giusti tra le Nazioni

6 marzo, tre storie di Giusti tra le Nazioni

In concomitanza con la Giornata europea dei Giusti, il 6 marzo alle 17.30 al bookshop del MEIS (via Piangipane 81) si terrà l’incontro “Aggiustare il mondo/Tikkun Olam. Tre storie di Giusti tra le Nazioni”. A partire dal concetto ebraico del Tikkun Olam – che richiama alla missione di perfezionamento e di riparazione del mondo a cui sono chiamati le donne e […]
15 febbraio 2024, evento online

15 febbraio 2024, evento online

Torna per il quarto anno #ITALIAEBRAICA, il progetto online che riunisce i musei ebraici italiani e che ha visto la partecipazione di migliaia di persone. L’edizione di quest’anno è dedicata ai libri: condivideremo con voi storie e aneddoti sulle collezioni, i luoghi e la fattura stessa dei volumi, ma approfondiremo anche i temi che emergeranno sfogliando […]
13 febbraio – Evento al MEISHOP

13 febbraio – Evento al MEISHOP

“Tre cose non hanno limiti: la preghiera, la giustizia e lo studio” è scritto nel Talmud. L’educazione oggi è ancora lo strumento principale di crescita personale e di uguaglianza sociale? Qual è l’approccio ebraico alla formazione dei cittadini? Il progetto dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane in collaborazione con il MEIS, dedicato all’Articolo 3 della Costituzione Italiana, […]